Lunedì, 22 Luglio 2019

REGISTRATI PER POSTARE UN COMMENTO

Condividi questo post su:

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Diventa amico dell'autore

su Facebook

-----------------------------

DOSSIER GERMANIA

DOSSIER GERMANIA

Indagine sul predominio tedesco

CSA Editrice - Pubblicazione Settembre 2013
http://www.facebook.com/dossiergermania

Ripubblicato con aggiornamenti nel 2018.

Scheda dell'opera

Con riferimento all’attuale situazione nell’Unione Europea, nella quale è coinvolta anche l’Italia, il libro parte dalla posizione dominante della Germania con un interrogativo che nessuno sembra avere mai posto fin qui: come è possibile che un paese sconvolto da due guerre mondiali con sconfitte devastanti sia arrivato a un ruolo di supremazia economica e politica che gli permette di imporsi nello scenario europeo.

Per rispondere a tale interrogativo si è compiuta una indagine storica che, partendo dalla Prima Guerra Mondiale, esamina le cause e le conseguenze della stessa che, attraverso il Trattato di Versailles, portarono alla Repubblica di Weimar e alla Grande Inflazione le quali, a loro volta, aprirono le porte all’ascesa di Hitler e del Nazismo.

La fulminante ripresa economica tedesca sotto il Nazismo e lo scatenamento della Seconda Guerra Mondiale sono oggetto dell’esame successivo che attribuisce a Inghilterra e Francia, al di là delle menzogne storiche propinate per decenni, la responsabilità della guerra e a Hitler la responsabilità del conflitto con l’Unione Sovietica di Stalin.

L’intervento americano e gli scenari sviluppatisi tra USA e Germania tra la fine della guerra e l’inizio della Guerra Fredda permettono di comprendere i successivi sviluppi con la nuova veloce ripresa dell’economia tedesca legata al ruolo di avamposto antisovietico in Europa.

L’analisi seguente ricostruisce gli eventi legati alla dichiarazione di inconvertibilità del dollaro del 1971, alla fine della Guerra Fredda e alla riunificazione tedesca del 1990 che preludono alla formazione dell’Unione Europea e della moneta unica, l’Euro, sotto l’egida della Germania e  dei suoi dettami economici consacrati nel Trattato di Maastricht.

Si esamina, infine, l’iter che ha portato dalla crisi dei mutui subprime in America alla crisi dell’eurozona orchestrate dall’oligarchia finanziaria internazionale che oggi gioca la partita sull’equilibrio instabile tra dollaro ed euro e sui suoi riflessi mondiali.

Naturalmente, tutti questi ultimi eventi sono il motivo per comprendere fino in fondo la fase culminante della formazione dell’egemonia tedesca che oggi sembra ancora rispondere soltanto al perenne imperativo: DEUTSCHLAND UBER ALLES.        

 

You have no rights to post comments